La 51° edizione del Congresso Annuale dell’ISO/TC 106 cala il sipario a Bangkok

Il 3 ottobre si è chiusa a Bangkok la 51ma edizione del Congresso Annuale dell’ISO/TC 106 Dentistry, il comitato tecnico che si occupa di normare i requisiti produttivi, di performance e di sicurezza per i prodotti utilizzati nel settore dentale. Si tratta di uno dei comitati tecnici ISO più numerosi con i suoi oltre trecento delegati provenienti da tutti il mondo che si riuniscono in più di 50 gruppi di lavoro (WGs) facenti capo a ben otto sottocomitati (SCs):

SC1 – Materiali da otturazione e restauro (Filling and restorative materials)

SC2 –  Materiali dentari (Prosthodontic materials)

SC3 – Terminologia (Terminology)

SC4 – Strumenti dentali (Dental Instruments)

SC6 – Attrezzature dentali (DEntal Equipment)

SC 7 – Prodotti per l’igiene orale (Oral care products)

SC8 – Impianti dentali (Dental Implants)

SC9 – Sistemi CAD/CAM (Dental CAD/CAM systems)

L’evento, che si è svolto come di consueto in un hotel non lontano dal centro, è stato ospitato dal Thai Industrial Standards Institute (TISI) e dalla Dental Association of Thailand, membro thailandese di FDI.

Nel suo discorso inaugurale, il presidente dell’ISO/TC 106, Prof. Ken Anusavice, ha ricordato il grande impatto che il lavoro di normazione di questo comitato tecnico ha sulla salute e sicurezza di miliardi di consumatori sparsi nel mondo.

UNIDI, nel suo ruolo di coordinatore del gruppo dispositivi dentali presso l’UNI, l’Ente di Normazione Italiano, ha costituito una delegazione nazionale grazie al contributo di esperti provenienti dal mondo industriale, professionale e accademico. In particolare, sul fronte industriale, hanno partecipato alla delegazione diverse aziende, tra cui Cattani, Major Prodotti Dentali, Zhermack e Leone. Assenti, ma solo per questa edizione, Cefla e OMS.

L’appuntamento è ora per l’autunno del 2016, ma i gruppi di lavoro hanno un'intensa agenda di lavoro durante tutto l’anno per redigere, approvare, votare e commentare nuovi progetti di norma o semplicemente norme in revisione. Le norme tecniche vengono infatti revisionate ogni cinque anni al massimo per garantire che il contenuto rispecchi il reale stato dell’arte. 

bordo